BREAKING NEWS
GMT+2 04:24

Tipologie di programmi

Installazione e programmi portable

Un tempo i programmi venivano acquistati nei negozi specializzati e distribuiti in uno o più CD (in epoche ancora più remote si usavano i floppy disk per questo stesso scopo).

Oggi quasi sempre un programma viene scaricato da internet. Di solito l’utente scarica un codice eseguibile che si chiama installer, il quale a sua volta, quando eseguito, provvede a creare sul PC dell’utente tutti i file, le cartelle e le configurazioni necessarie all’esecuzione del programma (questa operazione prende il nome di installazione del programma).

Un’altra tipologia di programmi, detta portable, non richiede nessun processo di installazione. In pratica il programma viene distribuito all’interno di una cartella (di solito un file compresso) la quale contiene tutti i file necessari all’esecuzione del programma stesso. I programmi portable, come suggerisce il nome, sono trasportabili da un computer all’altro, semplicemente copiando la cartella che li contiene.

Tipologie di programmi

Non tutti i programmi che si trovano in rete sono gratuiti e non tutti i programmi gratuiti presentano le stesse caratteristiche. In particolare ogni programma è corredato di una licenza d’uso, un vero e proprio contratto giuridico che disciplina e definisce i limiti di utilizzo del programma stesso.

L’elenco seguente dovrebbe aiutare ad orientarsi fra le molte tipologie di programmi esistenti:

Software proprietario

Si tratta di programmi a pagamento, il cui funzionamento richiede normalmente lo sblocco tramite l’inserimento di un codice fornito dall’azienda. Un esempio di software proprietario è Microsoft Word.

Shareware

Si tratta di software concesso in licenza di prova di solito per un tempo limitato o per un numero di esecuzioni limitate o con limitazioni d’uso (dopodiché bisogna comprare la versione a pagamento).

Freeware

Un programma freeware è un software il cui utilizzo è completamente gratuito. L’utente riceve il codice eseguibile del programma e non può modificarlo, ma può usarlo liberamente (a volte la licenza specifica alcune restrizioni che ne limitano l’uso al campo domestico e non commerciale). Talvolta il freeware è una versione semplificata e con funzionalità limitate di una versione commerciale (a pagamento) più completa. Un esempio di programma freeware è il browser Opera.

Open source

I programmi Open Source (letteralmente “sorgente aperto”) sono quelli per cui viene distribuito liberamente anche il codice sorgente in modo tale che altri utenti e sviluppatori possano apportare liberamente modifiche e migliorie al programma stesso. Si noti che a differenza dei freeware (dove l’utente riceve solo il codice eseguibile) nei programmi open source l’utente può ottenere anche il sorgente scritto in linguaggio di programmazione.

Lo sviluppo open source ha tra le sue caratteristiche quello di essere quasi sempre gratuito, tanto da creare confusione tra alcuni che credono che “open source” e “gratuito” siano sinonimi. Ci si potrebbe chiedere perché delle persone si dedichino allo sviluppo di progetti talvolta semplici, talvolta impegnativi e complessi, senza una remunerazione. In realtà, ci possono essere delle forme di guadagno (anche se non sempre) e si può ricorrere ad una o più strategie per questo scopo (es donazioni volontarie, servizio di supporto e di assistenza al programma a pagamento, varie forme di sponsorizzazione, sviluppo di corsi e di materiale didattico per l’uso del programma a pagamento).

2014 Powered By Wordpress, Goodnews Theme By Momizat Team